Le Storie della nostra vita

Le Storie della nostra vita

Quali sono le storie che ci prendono l’anima?
Ogni tempo della nostra esistenza ha la sua storia. O meglio, le sue storie.
Quando siamo piccoli adoriamo le favole. Abbiamo bisogno di storie di grandi gesta, scontri epici e finali lieti che concilino il sonno. Passato il timore di crescere, l’iniziale remora mista ad attrazione per le storie di paura porta qualcuno a esplorare sempre più sicuro il territorio horror. Altri si rifugiano in storie di evasione o molto più consapevolmente crescono con racconti di formazione. Poco a poco i gusti si fanno più elaborati, si raffinano, ma sempre come domanda o risposta alle nostre attese e ai dubbi che ci accompagnano.

Proprio come la vita, le storie hanno una loro evoluzione. Tutto parte con un inizio ordinato, dove regna l’equilibrio e la fiducia nel domani, che di punto in bianco viene rotto dall’imprevisto, un evento che ognuno non esita a definire sciagurato. Eppure senza questo strappo non esisterebbe nessuna storia. Solo a partire da questa frattura, imprescindibile per ogni esistenza e per ogni racconto, inizia il cammino che coinvolge l’eroe, nella ricerca di riparare il danno, di ristabilire l’ordine nella propria vita, nel reame, nel cosmo intero.

L’esito che a noi interessa può cambiare nel corso della nostra vita. Prima vogliamo che l’eroe sia vincente per avere dei punti fermi nella nostra realtà, quando siamo delusi o contestatori auguriamo invece un fallimento totale, se non addirittura la morte, all’eroe. Eppure nella nostra maturità, dopo averne viste troppe (ma mai abbastanza) c’è sempre una voglia di rivincita sui nostri insuccessi. Perché in fondo l’eroe agognato e poi criticato siamo noi stessi. Le storie sono quindi lo specchio naturale delle nostre esistenze. Una vita intrepida vuole delle storie leggendarie, una vita turbolenta vira sul pulp, una vita piena di rimpianti si abbandona a storie di nostalgia. E poi le storie d’amore, che in fondo in fondo cerchiamo tutti…

Personalmente bramo le storie di ampio respiro, con tanti personaggi, tanti avvenimenti e colpi di scena. Ho sempre avuto un debole per le sottotrame. L’adolescenza l’ho passata sfogliando i mattoni di Dumas (la trilogia deiTre moschettieri su tutti). Per quanto riguarda il cinema, l’emblema è la saga di Star Wars, ma hanno avuto la loro fetta d’importanza anche i pistoleri di Sergio Leone e i classici in bianco e nero. In Tv invece mi sono goduto in apnea il respiro mitologico di Lost, di cui tra l’altro, oggi ricorre il decimo anniversario dalla prima messa in onda (Auguri Lost!!!).

Quali sono invece le storie della vostra vita? Quali i generi che vi hanno influenzato di più? Le storie che rincorrete oggi?

Spread the love
No Comments

Post A Comment

Iscriviti alla newsletter!